Proteine e massa muscolare

Salve,
ho letto il vostro sito in quanto stavo cercando via internet alcune informazioni su come aggiustare la mia alimentazione. Più esattamente io sono alcuni anni che vado in palestra ed effettuo esercizi di Body Building (ho raggiunto una discreta massa muscolare, anche se la vorrei aumentare, ma con una percentuale di grasso un po' superiore al mio obiettivo).

Secondo voi quale dovrebbe essere la ripartizione dei macronutrienti per dei periodi di allenamento atti all'aumento della forza o della massa muscolare? In giro per siti o per riviste vi sono varie scuole di pensiero e si rischia di non capirci nulla...

Stefano

Buongiorno Stefano,

Proteinenei periodi in cui ci si allena per l'aumento della massa muscolare o della forza non è necessario un quantitativo "enorme" di proteine. Una ripartizione dei macronutrienti (rispetto alle calorie complessive giornaliere) del tipo 50% carboidrati, 20% proteine, 30% grassi è sufficiente per garantire all'organismo una quantità di proteine adeguata alla crescita muscolare.

La cosa più importante è che le proteine vengano assunte ad intervalli regolari durante la giornata (è sbagliato assumerle solo a cena o solo a colazione) in modo che siano sempre disponibili per la formazione dei muscoli. A tale scopo è sufficiente assicurarsi di assumere proteine durante i pasti principali e anche durante gli spuntini.

Bisogna comunque stare attenti a non diventare "maniaci" nel calcolo dei nutrienti. Nel body building, come in quasi tutti gli sport, la cosa più importante non è l'alimentazione ma la qualità e la quantità degli allenamenti! Questo spiega come mai si riescono ad ottenere buoni risultati anche seguendo i consigli di "scuole di pensiero alimentari" del tutto opposte tra di loro.

Indicazioni mediche

Le informazioni pubblicate su Dietabit.it hanno carattere esclusivamente divulgativo e non devono essere considerate come consulenze né prescrizioni di tipo medico o di altra natura. Prima di prendere decisioni riguardanti la propria salute, compresa quella di variare il proprio regime alimentare, è indispensabile consultare, di persona, il proprio medico.