Informazioni sul colesterolo

Salve,
vorrei farvi alcune domande relative all'articolo sul colesterolo.

Da quanto ho capito, ogni giorno viene prodotto dall'organismo circa 1 g di colesterolo e 0,3 g introdotto attraverso l'alimentazione. Poi, attraverso i meccanismi di autoregolazione, nel caso se ne introduca di più o di meno, quello prodotto internamente si regola di conseguenza e quindi alla fine dovrebbe essere pressoché costante come quantità giornaliera introdotta/prodotta 1,3 g. Ho capito bene?

Vado avanti, il colesterolo introdotto è neutro, né buono né cattivo, la differenza sta in quello ematico. Con "ematico" quindi si intende quello prodotto dall'organismo?

Poi in fondo c'è scritto che l'aumento del colesterolo buono o cattivo è influenzato dalla qualità dei grassi introdotti nell'alimentazione, questo vuol dire che i grassi polinsaturi contribuiscono a fare in modo che il colesterolo prodotto dall'organismo si leghi più facilmente con Lipoproteine HDL piuttosto che con quelle LDL? E se sì, in che modo?

Questa forse è una domanda un po' stupida... comunque la faccio: il colesterolo è una sostanza presente nella struttura chimica dei grassi o dei carboidrati o delle proteine o è una cosa diversa, a se, non so come per esempio le vitamine? Non so se questa domanda è chiara... vi prego di usare termini semplici perché non sono del settore...

Grazie
Alessia

Buonasera Alessia,

Colesteroloalla fine dovrebbe essere pressoché costante come quantità giornaliera introdotta/prodotta 1.3 g. Ho capito bene?

Esattamente. In realtà il meccanismo di regolazione non è perfetto e inoltre varia da individuo a individuo, ma con una certa approssimazione ha proprio l'effetto di mantenere pressoché "costante" la somma del colesterolo prodotto internamente e di quello introdotto con gli alimenti. La cosa importante da tenere a mente è che il colesterolo è utile per il nostro organismo (ad esempio per la sintesi della vitamina D e di diversi ormoni). Se viene a mancare l'apporto alimentare, l'organismo compensa e ne produce di più internamente proprio perché il colesterolo è indispensabile per le nostre funzioni vitali.

Con "ematico" quindi si intende quello prodotto dall'organismo?

Con "ematico" si intende quello in circolazione nel sangue (sia quello di origine alimentare che quello prodotto internamente).

i grassi polinsaturi contribuiscono a fare in modo che il colesterolo prodotto dall'organismo si leghi più facilmente con Lipoproteine HDL piuttosto che con quelle LDL? E se sì, in che modo?

Sì, la qualità (e la quantità) dei grassi assunti con l'alimentazione influisce sul modo in cui il colesterolo (sia quello prodotto dall'organismo che quello assunto con l'alimentazione) si aggrega nel sangue alle lipoproteine HDL o LDL. Tuttavia, come ciò avvenga non è chiaro: i medici sono arrivati a queste conclusioni "osservando" la relazione tra le analisi del sangue e le abitudini alimentari.

il colesterolo è una sostanza presente nella struttura chimica dei grassi o dei carboidrati o delle proteine o è una cosa diversa, a se, non so come per esempio le vitamine?

Semplificando al massimo si può dire che il colesterolo è un particolare tipo di grasso, presente in piccole quantità negli alimenti di origine animale.

Indicazioni mediche

Le informazioni pubblicate su Dietabit.it hanno carattere esclusivamente divulgativo e non devono essere considerate come consulenze né prescrizioni di tipo medico o di altra natura. Prima di prendere decisioni riguardanti la propria salute, compresa quella di variare il proprio regime alimentare, è indispensabile consultare, di persona, il proprio medico.