I limiti della dieta a zona

Ciao, sono una ex sfiduciata delle diete,
vorrei dire qualcosa sulla dieta a zona. I principi sui quali si fonda sono in parte condivisibili (indice glicemico, risposta glicemica) ma il limite di essa sta nel fatto che, oltre a stabilire una troppo bassa percentuale di carboidrati, è troppo generalizzata e si basa troppo sul "fai da te" perché una volta imparati i principi il soggetto si può calcolare i blocchi da solo.

Uno dei principi base di chi affronta una dieta è che deve essere seguito da un esperto! La dieta a zona dà ottimi risultati ma va adattata al singolo, considerando i parametri fisici di ciascuno. Il mio nutrizionista (una biologa bravissima!) ha adattato i principi della dieta a zona alla mia situazione fisica. I risultati sono ottimi. Ho raggiunto il peso desiderato (che non è il peso indicato dalle tabelle ciascuno ha il suo!).

Grazie, ciao
Graziella

Ciao Graziella,

Libro zonagrazie per aver condiviso la tua esperienza. Pubblico il tuo commento sul sito perché penso che possa essere utile a tutti gli amici di dietabit.it.

Il problema della dieta a zona è che viene proposta come una "formula matematica" che deve essere rispettata con precisione. Se una dieta di questo tipo deve essere "adattata" significa semplicemente che ha fallito il suo obiettivo (che è proprio quello di essere una dieta valida "per tutti").

Se si ha la fortuna di trovare, come è successo a te, "una biologa bravissima", è più facile raggiungere l'obiettivo del dimagrimento. Il problema si pone successivamente, nella fase di mantenimento: si può vivere per sempre sotto la guida di un nutrizionista perché si è deciso di seguire un regime alimentare così complicato che deve essere controllato e "adattato" da un esperto?

In fondo per mantenere il peso forma è sufficiente imparare a nutrirsi con equilibrio "non maniacale" e a seguire uno stile di vita attivo.

Indicazioni mediche

Le informazioni pubblicate su Dietabit.it hanno carattere esclusivamente divulgativo e non devono essere considerate come consulenze né prescrizioni di tipo medico o di altra natura. Prima di prendere decisioni riguardanti la propria salute, compresa quella di variare il proprio regime alimentare, è indispensabile consultare, di persona, il proprio medico.