La dieta a punti

La dieta a punti è stata ideata negli anni '70 dal dietologo italiano Guido Razzoli, ma periodicamente viene riproposta con qualche variante su alcune riviste "specializzate". L'idea alla base della dieta a punti è molto semplice: ad ogni alimento corrisponde un punteggio e alla fine della giornata i punti utilizzati non devono superare un tetto massimo prefissato.

Calorie e macronutrienti

Il calcolo delle calorie non è previsto ed è sufficiente rispettare il vincolo dei punti. Guardando la lista degli alimenti e i relativi punteggi si capisce presto che la dieta a punti è stata studiata in modo da penalizzare particolarmente gli alimenti ricchi di carboidrati e di favorire invece quelli prevalentemente proteici (ad esempio il pesce).

Seguendo la dieta a punti, se non si sa nulla di alimentazione, è molto facile comporre una dieta ricca di proteine e troppo carente per quanto riguarda l'apporto di carboidrati; se si limita la frutta e la verdura è anche facile ottenere una dieta povera di micronutrienti (vitamine e minerali).

La penalizzazione dei carboidrati a favore delle proteine ha lo scopo di limitare la sensazione di fame, trucco tipico delle diete iperproteiche. Se i punti rispecchiassero maggiormente le calorie fornite da ciascun alimento, la frutta potrebbe essere consumata in abbondanza (come è buona regola fare in qualsiasi dieta): lo svantaggio sarebbe quello di dover sopportare un po' di fame ogni tanto, sensazione inevitabile quando si vuole dimagrire, seguendo una dieta bilanciata.

I punti

Dieta a puntiIl totale dei punti è l'unico vincolo da rispettare nella giornata: i pasti possono essere organizzati come si preferisce e i cibi possono essere associati gli uni agli altri senza alcuna restrizione. Il vantaggio di questo schema è evidente: non si perde tempo a calcolare calorie e macronutrienti, non c'è alcun bisogno di studiare come ripartire i pasti all'interno della giornata e infine non è necessario "studiare a tavolino" la dieta del giorno (con il rischio, però, di arrivare alla cena con tutti i punti già spesi).

Il giudizio di dietabit sulla dieta a punti

Il giudizio è complessivamente negativo in quanto è penalizzata dai seguenti aspetti:

La dieta a punti ha l'indiscutibile vantaggio di essere molto semplice. Tutto ciò che serve è una tabella con il punteggio dei vari alimenti e un foglio di carta sul quale annotare i punti spesi nella giornata. Altro aspetto apprezzabile della dieta a punti è che viene proposta per quello che è: una semplice dieta dimagrante. Rispetto ad altre diete più recenti (si veda ad esempio la dieta del gruppo sanguigno) non ha la presunzione di essere la soluzione per prevenire o curare un elenco infinito di patologie e assicurarsi una salute eccellente.

Indicazioni mediche

Le informazioni pubblicate su Dietabit.it hanno carattere esclusivamente divulgativo e non devono essere considerate come consulenze né prescrizioni di tipo medico o di altra natura. Prima di prendere decisioni riguardanti la propria salute, compresa quella di variare il proprio regime alimentare, è indispensabile consultare, di persona, il proprio medico.