Corse settimanali

Salve,

gentili collaboratori di Dietabit, mi chiamo Viviana e ho 24 anni. Ho letto il vostro articolo per quanto riguarda i consigli inerenti l'approccio all'attività di corsa ho calcolato, come consigliavate voi, un IMC che è pari a a 23. Leggevo poi la tabella dei giorni che avete segnato come martedì, giovedì e domenica (quindi con un giorno di riposo tra martedì e giovedì e due poi per la domenica).

Io per questioni di tempo riuscirei a praticare solo sabato, domenica e lunedì, mentre il venerdì frequento un corso di kickboxing dove comunque si corre. Il mio dubbio era: secondo voi praticare la corsa tre volte a settimana in giorni ravvicinati e poi essere ferma dal martedì al giovedì è un problema o comunque il mio fisico può abituarsi anche così allo sforzo?

Grazie per l'attenzione, cordiali saluti,

Viviana

Buongiorno Viviana,

Calendario allenamenti settimanalii tre giorni di pausa tra martedì e venerdì non sono ottimali, ma permettono comunque di poter seguire la tabella fino a correre un'ora di fila. Il problema potrebbe essere, invece, il mancato recupero: nel caso decidesse di correre quattro giorni consecutivi da venerdì a lunedì, dovrebbe prestare attenzione a non affaticare troppo i tendini e le articolazioni. Non sono necessarie particolari precauzioni: basta "ascoltare" con un po' di buon senso i segnali che arrivano dal corpo (esempio piccoli dolori durante o dopo la corsa) e inserire un giorno di pausa quando necessario.

Se poi, come succede a molti dopo i primi mesi, la corsa dovesse entrare a far parte pienamente della sua vita, probabilmente in futuro potrebbe rivedere alcune priorità e scoprire che ogni giorno della settimana è possibile trovare un'oretta libera per l'allenamento.

Indicazioni mediche

Le informazioni pubblicate su Dietabit.it hanno carattere esclusivamente divulgativo e non devono essere considerate come consulenze né prescrizioni di tipo medico o di altra natura. Prima di prendere decisioni riguardanti la propria salute, compresa quella di variare il proprio regime alimentare, è indispensabile consultare, di persona, il proprio medico.