La carenza di vitamine (avitaminosi)

Link sponsorizzati

Le vitamine furono scoperte quando si iniziò a studiare la relazione tra le abitudini alimentari di alcuni gruppi di persone e la probabilità di insorgenza di alcune malattie.

Si scoprì che alcune patologie sono causate proprio dalla carenza di specifici micronutrienti: le vitamine. Ad esempio lo scorbuto, un tempo molto frequente tra i marinai, era causato dall'assenza di vitamina C (da qui la denominazione dell'acido "ascorbico").

I marinai che dovevano trascorrere mesi in mare aperto non potevano mangiare né frutta né verdura fresca ed erano quindi particolarmente soggetti allo scorbuto. A tal proposito si parla spesso dello storico esperimento di James Lind, che nel 1747 identificò gli agrumi come possibile cura per lo scorbuto. In quell'occasione, purtroppo, mancò l'intuizione (ci vollero ancora molti anni per arrivarci) che l'alimento benefico potesse essere usato anche, e con maggior efficacia, per prevenire la malattia, non solo per curarla.

Per fortuna ai nostri giorni, in Italia, l'avitaminosi non rappresenta un problema di salute pubblica in quanto le abitudini alimentari e le condizioni economiche del paese sono tali da escludere problemi di malnutrizione in soggetti sani (può essere invece un problema per in presenza di difetti metabolici che non consentono di assorbire o utilizzare alcune vitamine).

Nella tabella seguente vengono riportati, per ciascuna vitamina, alcuni disturbi che potrebbero verificarsi in caso di avitaminosi.

Vitamina Alcuni problemi
Vitamina A Cecità notturna, xeroftalmia, cecità totale (in casi avanzati di carenza).
Vitamina D Convulsioni da ipocalcemia, problemi alle ossa, rachitismo.
Vitamina E Problemi al sistema nervoso
Vitamina K Problemi di coagulazione, emorragie.
Vitamina C Scorbuto (fragilità capillare ed emorragie)
Tiamina (Vitamina B1) Beri-beri (problemi al sistema nervoso, al sistema cardiovascolare e gastroenterico)
Riboflavina (Vitamina B2) Dermatite seborroica, stomatite angolare, congiuntivite.
Niacina (Vitamina B3) Pellagra (problemi alla cute, diarrea, disturbi del sistema nervoso centrale)
Vitamina B6 Disturbi neurologici
Acido folico (Vitamina B9) Problemi al midollo osseo, anemia megaloblastica. Per le donne in gravidanza la carenza di acido folico è anche un fattore di rischio della spina bifida del nascituro.
Vitamina B12 Disturbi del sistema nervoso, anemia megaloblastica.
Biotina (Vitamina B7) Desquamazioni della cute
Acido pantotenico (Vitamina B5) Nessun sintomo specifico è stato finora identificato in quanto una carenza di vitamina B5 è quasi sempre associata a carenza di altre vitamine del gruppo B.

Indicazioni mediche

Le informazioni pubblicate su Dietabit.it hanno carattere esclusivamente divulgativo e non devono essere considerate come consulenze né prescrizioni di tipo medico o di altra natura. Prima di prendere decisioni riguardanti la propria salute, compresa quella di variare il proprio regime alimentare, è indispensabile consultare, di persona, il proprio medico.