Le carote

La carota (Daucus carota) è una pianta biennale molto diffusa in Italia e coltivata per le sue grandi radici di colore arancione, rosso-arancio o giallo-arancio, ricche di beta-carotene e dal gusto leggermente dolce.

Le carote vengono coltivate, oltre che per l'alimentazione umana, anche per l'alimentazione degli animali e per il loro utilizzo nell'industria alimentare, farmaceutica e cosmetica in quanto fonte di beta-carotene e di coloranti.

A seconda della forma e della dimensione delle radici (la lunghezza può variare da 3-4 cm fino a 18-20 cm), le carote vengono classificate come corte, mezze lunghe (o mezzane) oppure lunghe. Possono essere conservate in frigorifero per alcune settimane senza che ne vengano compromesse le caratteristiche nutrizionali ed organolettiche.

Le carote in cucina

CaroteLe carote possono essere consumate sia cotte che crude in un'infinità di ricette, sia dolci sia salate. Ad esempio vengono utilizzate comunemente come contorno oppure per preparare minestre, sformati, insalata russa, puree, ripieni e frittate. Sono uno degli ingredienti tipicamente ricorrenti nei soffritti e nella preparazione dei sughi. Possono anche essere consumate crude: in insalata (di solito alla julienne) oppure in pinzimonio. Grazie al loro sapore dolce vengono anche utilizzate per la preparazione di dolci (ad esempio torte alle carote) o per la preparazione di succhi da bere.

Valori nutrizionali delle carote

Le carote sono ricche di beta-carotene, una sostanza utilizzata dall'organismo per la produzione di vitamina A. Inoltre sono una buona fonte di altre vitamine e di sali minerali. Essendo molto sazianti, ed al tempo stesso ipocaloriche (circa 35-40 calorie ogni 100 grammi), le carote possono essere consumate in abbondanza tutti i giorni anche da chi sta seguendo una dieta dimagrante.

Alimento Carboidrati Proteine Grassi Calorie % kcal C-P-G
Carote 8,0 1,2 0,2 39 83-12-5

Indicazioni mediche

Le informazioni pubblicate su Dietabit.it hanno carattere esclusivamente divulgativo e non devono essere considerate come consulenze né prescrizioni di tipo medico o di altra natura. Prima di prendere decisioni riguardanti la propria salute, compresa quella di variare il proprio regime alimentare, è indispensabile consultare, di persona, il proprio medico.